L’ammòr

l'ammor

una produzione Nuova Accademia degli Arrischianti
testo e regia Laura Fatini
seguendo le parole e i consigli di
W.Shakespeare, M.Mafai, E.de Luca, C.d’Amicis,Platone, W.Szymborska, G.Gaber
con la collaborazione di Francesco Storelli
assistenti Angela Dispenza/Ludovico Cosner
costumi Roberta Rapetti
trucco Elena Cappelletti
foto Mauro Sini
con Valerio Santoni, Selene Melchionna,Daniele Cesaretti, Rachele Santoni, Martina Belvisi, Moris Cinali, Silvia de Bellis, Pierangelo Margheriti, Giulia Rossi, Carlo Attanasio, Caterina Mencarini, Guido Dispenza, Francesca Romanini,
Giacomo Angela Dispenza, Giulia Peruzzi, Giordano Tiberi, Lucia Francavilla, Giulia Roghi, Laura Scovacricchi

SABATO 2 NOVEMBRE
ORE 21.15
Teatro Alfieri -Castelnuovo Berardenga

una produzione Nuova Accademia degli Arrischianti
testo e regia Laura Fatini
seguendo le parole e i consigli di
W.Shakespeare, M.Mafai, E.de Luca, C.d’Amicis,Platone, W.Szymborska, G.Gaber

con la collaborazione di Francesco Storelli
assistenti Angela Dispenza/Ludovico Cosner
costumi Roberta Rapetti
trucco Elena Cappelletti
foto Mauro Sini

con Valerio Santoni, Selene Melchionna,Daniele Cesaretti, Rachele Santoni, Martina Belvisi, Moris Cinali, Silvia de Bellis, Pierangelo Margheriti, Giulia Rossi, Carlo Attanasio, Caterina Mencarini, Guido Dispenza, Francesca Romanini, Giacomo Angela Dispenza, Giulia Peruzzi, Giordano Tiberi, Lucia Francavilla, Giulia Roghi, Laura Scovacricchi


L’idea dello spettacolo nasce da uno studio effettuato su Pene d’amor perdute di Shakespeare.

Del testo shakespeariano ho isolato alcuni momenti e situazioni, partendo dallo spunto iniziale, la separazione tra uomini e donne: la volontà del Principe di Navarra di isolare sé e la sua corte per concentrarsi “sulle belle lettere e lo studio” diviene pretesto per un confronto di genere sul tema dell’amore.

C’è differenza tra la visione maschile e la visione femminile?
O c’è un solo concetto che racchiude mille sfumature?

L’amore?
Non è una serenata al balcone,
somiglia ad una mareggiata di libeccio,
strapazza il mare sopra,
e sotto lo rimescola.
Non lo so se mi piace

(E. De Luca, I pesci non chiudono gli occhi)

News